Auguri papà!

Ormai la giornata del 19 marzo si sta concludendo.. ma sono ancora in tempo per dedicare questo post a mio padre..
Oggi sono uscita mezz’oretta prima da lavoro per riuscire a fare un dolce da regalargli..
Non un dolce complicato.. di quelli con mille piani, mille foglie, mille creme.. un dolce che non richiede particolari abilità (soprattutto se lo fate così come piace a mio padre) o chissàche preparazione..
Un dolce tradizionale.. ricco.. semplice..
Un po’ come lui..
Un uomo riservato, che ha sempre e solo pensato a lavorare per la sua famiglia.. un lavoro pesante che gli ha spezzato la schiena per anni.. e l’ha portato ad essere quel canuto signore che tiene un pochino curva la schiena quando cammina!
Il dolce è la zuppa inglese..
il suo dolce preferito.. quello che mia madre faceva quand’eravamo piccoli ed ora viene puntualmente rimproverata perchè non lo fa più..
Non c’era altro dolce che potessi fare per la festa del papà.. da dedicare al mio di papà..
Ma non la zuppa inglese con il pan di spagna, a lui piace quello con i biscotti secchi.. e se per un momento avrei voluto farne una mia versione più particolare, con qualche variante.. magari con un pan di spagna speziato o altro, poi sono subito tornata sui miei passi e l’ho fatta esattamente secondo i suoi gusti!
Con i biscotti secchi inumiditi con una bagna di caffè ed alchermes.. che rassomigliano il suo carattere schivo e  spesso rude,ma che con gli anni si è ammorbidito.. mostrandomi tutta la tenerezza che quell’uomo racchiude e sa dare…
Con una crema pasticcera che si divide in 2 strati.. uno alla vaniglia ed uno al cacao.. i 2 lati opposti della stessa medaglia..
Un uomo che si divide in 2.. uno intransigente, testardo, brusco.. ed uno di una dolcissima timidezza, umiltà e bontà..

Ho preparato dunque la crema pasticcera alla vaniglia:
100 g di tuorli d’uovo bio
100 g di zucchero
350 g di latte intero
1 cucchiaio di amido di mais
vaniglia bourbon
(più 2 cucchiai di cacao amaro per la variante al ciocco)
Ho montato i tuorli con lo zucchero, la vaniglia e l’amido di mais, mentre nel frattempo facevo bollire il latte.. appena raggiunto il bollore uniamo il composto di uova e teniamo sul fuoco per 1-2 minutini. Ne ho preso metà ed ho aggiunto il cacao. Lasciamo raffreddare il tutto!
Montiamo il dolce.
Ho preso dei comuni biscotti secchi, li ho man mano bagnati nel caffè miscelato ad un goccio di alchermes (poco poco) e sistemati alla base di una teglia in silicone quadrata (io Happyflex), ho versato sopra la crema pasticcera e ben livellata. Ho disposto il secondo strato di biscotti, poi la crema pasticcera al cacao, per finire con l’ultimo strato di biscotti. Via in freezer per 30 minuti (voi in frigo mi raccomando.. io non avevo tempo!!).
Tolta dal frigo/freezer l’ho capovolta sopra il piatto, spolverizzata con cacao amaro.

E.. tanti auguri papà!! Portarti questo dolce, darti quel bacio in fronte.. per un attimo ha ribaltato le parti e mi ha fatto sentire in grado di prendermi cura di te.. per una volta, io di te!
Ti voglio bene!
Buonanotte a tutte voi..
Luisa

ps. partecipo al contest di Dolci ma non troppo: Un dolce per i nostri papà
CONTEST: UN DOLCE....PER I NOSTRI PAPA'......

Facebook Comments
Senza categoria
Previous Story
Next Story

You Might Also Like

34 Comments

  • Reply
    pannifricius delicius
    19 marzo 2012 at 21:51

    Ciao Luisa, anche io preferisco questo tipo di dolci con i biscotti secchi perché si "impociano" meno!!!! Il tuo papino è un intenditore ;-D

  • Reply
    Patrizia
    19 marzo 2012 at 22:00

    Delizioso questo dolce e nella sua semplicità io lo trovo perfetto!!! Perfetto da regalare al tuo papà con tutto il tuo amore…Un bacio grande tesoro!!

  • Reply
    Puffin
    19 marzo 2012 at 22:07

    Che goloso questo fdolce, e tenerissima la dedica al tuo papà…complimenti, un bacione

  • Reply
    La cucina di Molly
    19 marzo 2012 at 23:38

    Buono e delicato questo dolce,Brava!Auguri per il tuo papà!Buona notte!

  • Reply
    Federica
    20 marzo 2012 at 8:07

    La semplicità è sempre il miglior ingrediente. E quando c’è così tanto amore dietro, i fronzoli e le scenografie non servono. Sono sicura che il tuo papà avrà apprezzato tantissimo la sorpresa di questo dolce goloso. Lo faccio anch’io molto simile ma spolverato tutto di cacao è più bello che con l’ultimo strato di crema! Un bacione, buona giornta

    • Reply
      Luisa
      20 marzo 2012 at 12:12

      Mi trovi d'accordissimo.. sì, l'ha apprezzata davvero molto.. ancor prima di assaggiarla ;-), caro..! bella col cacao vero? baci

  • Reply
    maria
    20 marzo 2012 at 9:46

    Ma che bellissimo dolce, presentazione ottima!!!

    • Reply
      Luisa
      20 marzo 2012 at 12:11

      grazie, troppo gentile!

  • Reply
    Monica - Un biscotto al giorno
    20 marzo 2012 at 11:43

    sarà semplice, ma ha un ottimo aspetto e un'ottima presentazione 🙂

    • Reply
      Luisa
      20 marzo 2012 at 12:11

      ieri sera gliel'ho portata prima di cenare e poi sono scappata a casa, quindi non so com'era.. ma stasera passo e se ne hanno avanzata vado a sentire com'è!!

  • Reply
    Acquolina
    20 marzo 2012 at 11:51

    che bel post! un abbraccio!

    • Reply
      Luisa
      20 marzo 2012 at 12:11

      grazie cara! baci

  • Reply
    renata
    20 marzo 2012 at 14:01

    Una poesia dolce dolce questo post…
    Complimenti Luisa!!!!
    Una dolcezza nelle parole….una carezza e un abbraccio tutti racchiusi nelle tue splendide parole…
    Buona la torta…
    Mi piace e ogni tanto i ruoli possono con GIOIA anche invertirsi!!!!!
    Un bacione

    • Reply
      Luisa
      21 marzo 2012 at 7:55

      sì.. uno scambio di ruoli che da adulti riempie davvero il cuore..

  • Reply
    breakfast at lizzy's
    20 marzo 2012 at 14:12

    Stupendo! ..ma sai che non ho mai assaggiato la zuppa inglese?! la versione del tuo papà mi piace parecchio! 🙂

  • Reply
    Lorena
    20 marzo 2012 at 14:20

    me lo faceva anche la mia mamma da piccola quando io e mia sorella avevamo voglia improvvisa di tiramisù ma in casa mancavano praticamente tutti gli ingredienti 😛 all'inizio rimanevamo deluse perchè il tiramisù è pur sempre tiramisù però poi ce lo spazzolavamo ugualmente ^^ è un piacere conoscerti Luisa…a prestissimo! 😀

    • Reply
      Luisa
      21 marzo 2012 at 7:56

      sì.. anche per i miei gusti il tiramisù è sempre tiramisù, ma.. un po' come te.. associo la zuppa inglese a ricordi di bambina, quindi mi piace! un bacio

  • Reply
    gerbillo goloso
    20 marzo 2012 at 14:41

    Ciao, sono passata dal tuo blog attratta da questo dolce golosissimo! e ho trovato altre bontà 🙂 Complimenti! anch'io ho fatto un dolce per la festa del papà….non avranno da lamentarsi i nostri paparini!

    • Reply
      Luisa
      21 marzo 2012 at 7:56

      eh no.. c'è poco da lamentarsi! brava.. un piacere conoscerti! a presto

  • Reply
    Ritroviamoci in Cucina
    20 marzo 2012 at 17:26

    Ma è bellissimo. Mi piace davvero molto come si presenta con questa forma così rigorosa. Bravissima.

  • Reply
    melania
    20 marzo 2012 at 18:00

    Dolcissima Luisa
    il tuo post mi ha commossa fino a farmi piangere.
    Io il mio papà l'ho perso circa tre anni fa.
    Hai descritto il tuo papà come solo una figlia che ama
    e rispetta il papà può fare.
    Bravissima ,e buonissimo anche il dolce.
    Vedo che anche tu hai iniziato a sperimentare con il lievito madre,
    io lo adoro .
    Buon impastamento!!!!!!!!

    • Reply
      Luisa
      22 marzo 2012 at 8:32

      Cara Melania.. è il tuo commento ad emozionare me ora.. ! mi spiace per la tua perdita, non voglio nemmeno provare ad immaginarla.. sì, si amano e si rispettano perchè è ciò che meritano!
      l'impastamento sta dando buoni frutti.. ma a breve li vedrete pure voi ;-)! un abbraccio forte cara

  • Reply
    stefy
    20 marzo 2012 at 21:24

    Grazie per aver partecipato al mio contest…….corro ad inserire questa semplice ma gustosa ricettina……bacini

  • Reply
    Gio
    20 marzo 2012 at 21:45

    mi piace come hai fatto questa torta!
    evviva i papà! 🙂

  • Reply
    Ombretta
    21 marzo 2012 at 6:37

    Bisogna coccolarli i nostri papà 🙂 e brava Luisa !!!!! Poi loro ci ricompensano con uno sguardo che vale più di mille parole! Baci stella

  • Reply
    Patty
    21 marzo 2012 at 6:51

    Cara Luisa, anche se con qualche giorno di ritardo, mi sono gustata questo post in tutti i sensi, per la tenerezza che trasuda e per la specialità di questa zuppa inglese così particolare e così simile alla persona che ti ha dato la vita. Tuo padre assomiglia un po' al mio. Sono uomini di vecchio stampo, di poche parole dove i gesti sono piu eloquenti del dire. Ma quanto li amiamo? Ti ringrazio per la condivisione. Un grande abbraccio, Pat

    • Reply
      Luisa
      22 marzo 2012 at 8:31

      sei sempre dolcissima.. sì, uomini di vecchio stampo.. poche parole, ma fatti e tanto amore! li amiamo.. sì, davvero molto! un abbraccio cara

  • Reply
    Emanuela - Pane, burro e alici
    21 marzo 2012 at 9:13

    Luisa complimenti davvero, è bellissima la tua zuppa inglese! Auguri al tuo papà! 🙂

    • Reply
      Luisa
      22 marzo 2012 at 8:31

      grazie ;-)! baci

  • Reply
    vita
    21 marzo 2012 at 9:45

    complimenti post tererissimo e ricetta golosissima !!! bravissima sono passa ta dal tuo blog girovagando qui è la e la tua ricetta mi ha attirato!!1 se ti va passa ha trovarmi!!! grazie mille vita

    • Reply
      Luisa
      22 marzo 2012 at 8:30

      grazie cara.. ora corro da te :-)! baci

  • Reply
    Maria Grazia
    25 marzo 2012 at 20:07

    Ma…lo hai fatto leggere questo post al tuo papà? E' emozionante. Certo, il dolce che hai fatto per lui, e come piace a lui, gli ha già dimostrato tutto il tuo amore. In fondo, noi quando cuciniamo lo facciamo quasi sempre per amore verso i nostri cari, non trovi?

  • Reply
    Chiara
    4 aprile 2012 at 19:47

    Belle le parole buona la ricetta… Che dire? Bravissima!!

  • Reply
    liliana
    11 novembre 2012 at 12:03

    molto emozionante bravissima complimenti per la torta e per le parole che mi ano fatto emozionare come sara fiero di te il tuo papa purtroppo io lo perso quando ero molto piccola grazie un bacio lili

  • Leave a Reply