Spaghetti integrali mare & terra allo zenzero e sale affumicato

Inizia il conto alla rovescia..
– 7 .. giorni a Natale! Avete già deciso il menù? lo passerete in casa, in famiglia oppure fuori?
Sarete voi a cucinare manicaretti, imbandire tavolate e ricevere ospiti?
Carne? pesce? Vegan Christmas?
Per me Natale è rigorosamente a casa e in famiglia.. il pranzo si tiene a casa dei miei.. la tradizione ci vuole tutti attorno al lungo tavolo della taverna, con il caminetto acceso..
Ognuno di noi partecipa alla stesura e realizzazione del menù.. ognuno si dedica ad una delle portate..
la mia? Mi son sempre “toccati” gli antipasti (dai.. lo ammetto, c’è da dedicarci più tempo ma sono io a preferirli..) .. e quest’anno sarà così ancora.. 
Nei piccoli momenti di pausa, di solito mentre faccio colazione, continuo a sfogliare e risfogliare libri di cucina, riviste.. 
vorrei fare.. di tuttoooooo… ci sono cose così tremendamente invitanti e non so decidermi..
Ancora è tutto per aria, anche perchè di tempo per definire ne ho avuto davvero troppo.. in queste ultime 2 settimane sto concentrando tutto il lavoro perchè poi fino ai primi di gennaio avrò un po’ di stacco dal lavoro e sarà finalmente il tempo di cucina, lievitati, tanto sport, cenette tra amici..
non vedo l’oraaaaaaaa…!
Da ora fino a Natale entro in pieno clima anche con le ricettine nel blog.. per avere idee di biscottini da regalare, per le portate del grande pranzo.. e finire anche con il dolce.. ancora in elaborazione 😉
Ed oggi? oggi partiamo con un primo piatto.. che potrebbe essere tranquillamente servito il giorno di Natale oppure anche per la Vigilia, essendo a base di pesce..

Adoro questo piatto perchè, pur essendo di stagione, ha invece tutti i colori dell’estate..
..sembra quasi “freddo”.. invece l’ho servito caldissimo ancora nel pentolino bollente…
Domenica mattina ho passato una splendida mezz’oretta a spasso per l’orto dei miei genitori per farmi una bella spesuccia.. apprezzando e sfruttando appieno tutta la fortuna che ho..
a pochi passi, immerso nella campagna, un orto da far invidia al mercato più fornito.. ora c’è l’imbarazzo della scelta dal cavolo nero al cavolo verza, dal broccolo romanesco al cappuccio passando per i cavoletti di Bruxelles.. radicchio di Treviso, radicchio di Castelfranco.. finocchi dolcissimi..
Dopo aver raccolto un bel cespo di radicchio e un paio di finocchi per un insalata a crudo, un broccolo romanesco mi ha ammaliato con la geometria perfetta delle sue cimette.. e mentre tornavo con il mio prezioso bottino nella cesta, pensavo a cosa poterci fare..
la prima idea era di un tortino o sformato di broccolo..
Ma no?!? e che ci dimentichiamo che il sabato pomeriggio avevo trovato degli invitanti frutti di mare in pescheria?
.. risotto?.. mmm, no spaghettiamo!!
Tra tutti i vari cugini cavoli e broccoli, quello romanesco è forse quello che preferisco…
.. e le sue proprietà? Ora è la loro stagione.. sfruttate tutti questi ortaggi meravigliosi, contengono moltissimi minerali (magnesio, fosforo, calcio, potassio, rame, iodio, selenio, zolfo), ricchi di vitamina C ed E, carotene! Aiutano a tenere sotto controllo la pressione arteriosa, ma soprattutto sono considerati degli “antitumorali”grazie ai potenti antiossidanti contenuti. Non buttate il loro liquido di cottura: è un buon coadiuvante nella cura di asma, bronchite e raffreddori invernali!
Lo so.. mi state per dire che quando li cuciniamo l’odore è piuttosto forte..
un trucchetto? Per evitare che durante la cottura si diffonda per tutta la casa, mettete all’interno della pentola una fetta di pane con la mollica imbevuta di aceto o limone.
Certo.. non dimentichiamo che la cottura riduce drasticamente tutte le proprietà nutrizionali, quindi l’idea è farli stufati o cuocerli al vapore, ma per al massimo 20 min.
Allora.. bando alle ciance: spaghettiamo o no?

Per 2 porzioni:
1 scalogno affettato molto finemente
1 cucchiaio abbondante di olio evo Pugliese nuovo
un bicchiere di vino bianco
un piccolo broccolo romano
frutti di mare misti (cozze, gamberoni, vongole..)
zenzero grattugiato (un cucchiaino)
succo di limone
pepe bianco in polvere
sale affumicato
prezzemolo
150 g di spaghetti di farro integrale

Facciamo rosolare lo scalogno con un filo d’olio e un po’ d’acqua per stufarlo bene e renderlo morbido e dorato. A parte, nel frattempo cuocete le cimette di broccolo al vapore (tenetele al dente e belle verdi!). Aggiungiamo i frutti di mare (tranne i gamberoni) in padella col soffritto, fate sfumare il vino bianco a fiamma alta, poi cuocete qualche minuto facendo restringere il sughetto.

Poco prima di buttare la pasta in abbondante acqua salata, aggiungiamo in padella anche le cimette del cavolfiore, i gamberoni, lo zenzero grattugiato ed un po’ di succo di limone, un pizzico di pepe.
Ci versiamo lo spaghetto integrale cotto al dente con un pochino d’acqua di cottura della pasta, facciamo saltare brevemente e serviamo con prezzemolo tritato e qualche granello di sale affumicato!

ohhh.. a proposito del sale affumicato.. devo ringraziare tantissimo per questo dono che mi ha fatto un piacere enorme.. una selezione di sali particolari, quello affumicato in grani e quello nero delle Hawaii, portata da un amico di mio fratello da New York..
so che lui.. Marco, vero?. .. segue questo blog e voglio “in diretta” ringraziarlo per questo dono non solo gradito, ma davvero sfruttato.. quello affumicato poi, credetemi, a crudo sul pesce è davvero ottimo! da provare!

e noi? e noi ci si rivede presto con un altro step nel count-down di Natale..
un abbraccio,
Buona serata
Luisa
Facebook Comments
LIGHT, PRIMI PIATTI
Previous Story
Next Story

You Might Also Like

11 Comments

  • Reply
    ~ Inco
    18 dicembre 2013 at 20:45

    Bellissime foto e altrettanto ottimo il piatto che ci hai mostrato.
    Un bacio.
    Inco

  • Reply
    consuelo tognetti
    18 dicembre 2013 at 20:48

    L'abbinamento pesce e cavolo è quello che in questo periodo prediligo..fantastica la tua spaghettata! Complimenti Luisa anche x il tuo orto!
    Un bacio e al prossimo appuntamento ^_*
    la zia Consu

  • Reply
    Giuliana Manca
    19 dicembre 2013 at 7:00

    Che bello pensare alle ricette da preparare per la notte di Natale… questi spaghetti sono perfetti, buoni e originali!

  • Reply
    cristina panizzuti
    19 dicembre 2013 at 7:07

    Eh si, anche io da giorni penso e ripenso al menù natalizio e mi alleno preparando alcuni piatti ,nelle varie cene che precedono il Natale. Questi tuoi spaghetti sono giustamente perfetti per la vigilia!
    Grazie per la bella proposta.
    Cri

  • Reply
    Valentina - La Pozione Segreta
    19 dicembre 2013 at 9:50

    MI piacciono tantissimo questi spaghetti…troppo buoni!

  • Reply
    Mirtillo E Lampone
    19 dicembre 2013 at 9:58

    Luisa, dolcezza, ma queste foto sono veramente belle…mi fanno sognare il tempo in cui non ero ancora intollerante al pesce e mi mangiavo quintali di spaghetti ai frutti di mare…ufffffff! Ma tant'è, ormai ci ho fatto il callo!
    Ti abbraccio tesoro e ti bacio anche!

  • Reply
    Letizia Cicalese
    19 dicembre 2013 at 10:31

    davvero deliziosi, e perfetti per un sontuoso pranzo natalizio in leggerezza 🙂

  • Reply
    marco b*
    19 dicembre 2013 at 11:14

    Quale onore essere citato in una ricetta tanto ricca e gutosa! 🙂
    In più, mi calza a pennello non mangiando carne!
    Grazie e… alla prossima ricetta!

    Buon Natale a tutte/i
    Marco

  • Reply
    Cucina Mon Amour Thais
    20 dicembre 2013 at 8:55

    Posso venire a pranzo da te???
    E' una delizia questa pasta!!! Ricchissima.. buona…
    Prendo appunti, devo fare.
    Un abbraccio.
    Thais

  • Reply
    Claudia
    20 dicembre 2013 at 11:14

    Io mi salvo.. il 24 dai suoceri.. il 25 da mia cognata..il 26 sera dai cugini di Ric…quindi non devo mai cucinare nulla!!!!! La tua proposta mi piace.. crostacei e broccolo stanno una favola..e mi piace anche l'aggiunta dello zenzero che ci sta una favola!!!!un abbraccione e buon w.e. .-)

  • Reply
    batù batuffolando
    21 dicembre 2013 at 14:24

    Fantastica questa ricetta, ma che immagini poi…. da tuffarsi dentro a quel pentolino cara Luisa… sai che il cavolo romanesco qui da me si trova poco e quel poco non è bello sodo e fresco, (evidentemente non si cucina molto qui) e così ala fine non lo compro mai… e sai che non trovo nemmeno i piantini per metterlo nell'orto? devo venire per forza a pranzo da te 🙂

  • Leave a Reply