Matasse croccanti da sbrogliare per un antipasto speciale..

Pasta Kadaif, Kataifi, Kadaifi…
che siate in Turchia, Israele o Palestino, Grecia o altri paesi del bacino Mediterraneo la potrete chiamare in diversi modi e vederla preparata in varie ricette..
Si tratta di un impasto a base di farina ed acqua.. in poche parole una pasta fillo, però tagliata in fili sottilissimi.. tipo capelli d’angelo. La sua preparazione richiede una lavorazione particolare molto antica, ma pochi ormai la fanno a mano. La pasta fillo viene fatta colare, grazie ad un cono con dei forellini, sopra un grande piano rotondo riscaldato che ruota.. creando lunghi fili poi raccolti in matasse poi dispose a seccare.
Io qui in Italia non si trova con facilità, anzi.. ma potete cercarla in negozi etnici, soprattutto turchi. Questa pasta è infatti alla base di diverse ricette dolci sia in Turchia che in Grecia, come i baklava: dessert dolcissimi a base di zucchero, miele e frutta secca oppure il classico dolce greco che porta lo stesso nome, il Kataifi, un fagottino ripieno di pistacchi, mandorle, noci e cannella cotto al forno con un emulsione di miele, cannella, acqua di rose e zest di limone.
Ma ultimamente anche i nostri chef italiani iniziano ad usarla per avvolgere con croccantezza anche preparazioni salate, creando piatti scenografici d’effetto!
Non è facilissima da usare.. sia nel sbrogliare la matassa che nel procedimento per avvolgere i diversi cibi ci vuole delicatezza ed attenzione per evitare che si asciughi troppo.
Insomma… tutta sta storia su sta pasta Kataifi, ma..
che cosa mai c’avrò fatto??

L’ho tenuta in servo per avvolgere in nidi croccanti delle freschissime e polpose mazzancolle.. uno dei nostri antipastini serviti al cenone di capodanno!

Iniziamo col prendere delle mazzancolle (oppure dei gamberoni) belle polpose, fresche.. rimuoviamo il carapace lasciando solo la coda; incidiamo il dorso per togliere il filamento nero e le laviamo ben bene sotto l’acqua. Tamponateli con della carta per asciugarli, poi metteteli per mezz’oretta con succo di lime e un pizzico di pepe nero. Scolate bene.
Prendete la pasta kataifi, apritela ed allargatela sopra il tavolo, rivestite la mazzancolla partendo dalla testa ed avvolgendola completamente (con più giri) lasciando scoperta la coda.

Avete già finito.. sistemate le mazzancolle su una teglia con carta forno e infornate in forno già scaldato a 200°C per 10 min (controllate che non annerisca troppo).. lasciate intiepidire e poi servite!
Certo.. in alternativa potete cuocerli friggendo in abbondante olio di semi, giusto per pochi istanti, e facendoli asciugare per bene su carta assorbente.
Ma lunghi da me anche solo l’idea di friggere, quindi.. vi assicuro che al forno vengono davvero stupendi!

Croccanti fili hanno avvolto una dolce, saporita e carnosa mazzancolla.. per un antipasto speciale in una serata speciale, con le persone speciali della mia Vita..
anche quest’anno è passato insieme…
anche questo anno è stato salutato assieme..
anche questo nuovo anno è stato accolto assieme..
insieme noi 4: amici e famiglia..
ma quest’anno è stato il 5° a fare la differenza.. il vostro piccolo angelo color cioccolato è proprio la ciliegina sulla torta che ci mancava.. che dite? 😉
vi adoro.. tutti e 3…
vi adoriamo
un abbraccio.. a tutte
Luisa
Facebook Comments
ANTIPASTI, CUCINA ETNICA, FINGER FOOD, Lattosio free, Ricette SENZA, Senza uova
Previous Story
Next Story

You Might Also Like

16 Comments

  • Reply
    Any
    4 Gennaio 2014 at 11:42

    Ciao Luisa! Ho mangiato i gamberi fatti in questo modo al ristorante, sono buonissimi!
    E poi che dire del dolce che hai citato, il ballava, è fenomenale!! Lo conosco, l'ho mangiato ed è una vera bontà
    Ciao, buon sabato!!!

  • Reply
    grEAT
    4 Gennaio 2014 at 11:59

    Buon Anno!
    perfetti i gamberi avvolti nella pasta kadaifi anche se a dir il vero li preferisco fritti ma non faccio poi tanto testo; i greci adorano i fritti e io non sono un'eccezione!!!
    Azzeccata la definizione: una matassa da sbrogliare!!! 🙂 è proprio così.

    irene

  • Reply
    Claudia
    4 Gennaio 2014 at 13:27

    Mi piace particolarmente la pasta fillo.. l'ho imparata ad amare proprio in Grecia… Mi piacciono le mazzancolle avvolte.. che effetto scenico anche.. baci e buon sabato 🙂

  • Reply
    sandra pilacchi
    4 Gennaio 2014 at 13:36

    gli angeli sono angeli e portano sempre gioia…..
    i nidi croccanti mi sembrano strepitosi, come sempre del resto!
    baci
    Sandra

  • Reply
    MilenaSt
    4 Gennaio 2014 at 15:27

    E' da tanto che volgo provarla, ma ho difficoltà a reperirla …..
    Deliziosa l'idea di avvolgerci le mazzancolle 🙂
    Buon anno 😉

  • Reply
    Giuliana Manca
    4 Gennaio 2014 at 16:25

    Io li ho sempre mangiati fritti, da provare questa versione più light!!!!

  • Reply
    Valentina
    4 Gennaio 2014 at 21:10

    Sei dolcissima, Luisa! Auguri a te e a tutti, la vostra amicizia è forte e bella, siete stupendi! <3 Sei stata geniale, mazzancolle avvolte da pasta kataifi… non ho mai provato questa pasta fillo in fili ma deve essere buonissima, adesso sono curiosa! 😀 Complimenti e un forte abbraccio, buona domenica :**

  • Reply
    cristina panizzuti
    4 Gennaio 2014 at 22:16

    Ciao Luisa,
    che meraviglia, belli croccanti e saporiti, perfetti per una cena speciale, con amici speciali…+ un piccolo nuovo amico!
    Un bacio,
    Cri

  • Reply
    elena
    5 Gennaio 2014 at 9:33

    sono buonissimi!!! ma dove la trovi??? L'ho cercata per mari e monti e non l'ho mai trovata!
    Usata al forno poi anche più salutare… mi piacerebbe provare la tua ricetta!
    ancora buon anno!!

  • Reply
    2 Amiche in Cucina
    5 Gennaio 2014 at 17:00

    devono essere buonissimi, non ho mai provato questa pasta, ma penso che non riuscirò a trovarla qui,immagino chi sia il nuovo arrivato, un bacio a tutti

  • Reply
    Roberta Morasco
    5 Gennaio 2014 at 18:34

    Nooooo!!! Sai che sono anni che la cerco sta benedetta kataifi?
    Con le mazzancolle e perfetta!!!
    E ti credo che il 5 è quello che fa la differenza!!!
    Un abbraccio!

  • Reply
    Dolci a gogo
    5 Gennaio 2014 at 20:11

    Direi che è mollllto scenografica questa pasta cosi come l'hai utilizzata tu è anche una vera goduria…credo che non la troverò mai dalle mie parti ma non si sa mai:D!!Un bacione e buona befana!!!

  • Reply
    Chiarapassion
    5 Gennaio 2014 at 21:19

    Le tue mazzancolle sono molto scenografiche ed immagino il piacere nell'assaporare la croccantezza di questa pasta.
    Buon 2014 e un augurio speciale per il nuovo arrivato

  • Reply
    Mirtillo E Lampone
    7 Gennaio 2014 at 10:36

    Che fortuna che hai di vedere spesso quell'angelo color cioccolato che tutte adoriamo e abbracciamo virtualmente! Ti mando un bacione enorme tesoro, recapitalo ad Ombretta e all'angioletto speciale…e uno però lo mando anche a te…

  • Reply
    IsabelC.
    7 Gennaio 2014 at 13:50

    Adoro questi fili croccanti! Li farei anche io al forno: ottimi!
    Ti auguro un felice anno 2014
    Ciao
    Isabel

  • Reply
    Mila
    15 Aprile 2015 at 9:59

    Ero convinta che la pasta kataifi la vendessero secca, invece mi sembra di capire che sia fresca!!!! Segno tutto….
    Buona giornata

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.