Cavatelli con broccolo siciliano ed alici

Buongiorno!!!
oggi ho approfittato della pausa pranzo per scrivere questo post che stazionava da un po’.. in questo periodo tra lavoro e la casa in costruzione il tempo libero è poco e, lo ammetto, viste le meravigliose giornate di sole che il tempo ci sta regalando appena ho anche solo mezz’ora libera approfitto per stare all’aperto…
quando so che la giornata sarà da reclusa in studio, anticipo tutto ed esco la mattina presto..
Non mi costa svegliarmi anche alle 5.30-6 .. quindi prendo Athena ed usciamo a correre nelle stradine di campagna qua attorno a casa… è una ricarica incredibile per affrontare la giornata!
Stamane è andata esattamente così, prima di partire per lo studio sono uscita a camminare e quindi non avevo scuse per non finire questo post.. quindi siamo rimaste sedute al pc per raccontarvi di questa pasta meravigliosa…
Mi è piaciuta moltissimo…
CAVATELLI con BROCCOLO Siciliano ed Alici

Io li chiamo gnocchetti, ma in realtà sono dei cavatelli, detti anche capunti.. pasta tipica della tradizione molisana e pugliese..

per la pasta (circa 500 g di cavatelli)
……………………………..
200 g di semola Senatore Cappelli
100 g di farina di ceci neri della Murgia
sale
acqua qb

Miscelate le due farine e formate la classica fontana, poi unite il pizzico di sale e acqua poca alla volta fino ad ottenere un impasto sodo, amalgamato e non appiccicoso.

Lasciate riposare l’impasto per un oretta circa. Trascorso il tempo suddividete la pasta in piccoli panetti che stenderete poi in striscioline tipo tubetti lunghi. Ogni tubicino va diviso in tocchetti più piccoli da 1 cm circa ed esercitando una leggera pressione con le dita, trascinate i pezzetti di pasta verso di voi arricciandone i bordi.
Allargateli bene sulla spianatoia infarinata con semola, spolverizzateli anche in superficie con altra semola  e lasciateli seccare per almeno 3-4 ore oppure anche tutta la notte (posso anche essere cotti subito ma il riposo ne garantisce una resistenza migliore in cottura).
Per la cottura: cuoceteli in abbondante acqua salata in ebollizione per 5-6 minuti e poi terminate la cottura nella padella col sugo tenendo da parte un po’ dell’acqua di cottura.

Per il sugo
…………………………………

5-6 alici sott’olio
1 broccolo siciliano
1 spicchio d’aglio
peperoncino
un pizzico di sale
olio extravergine d’oliva pugliese spremuto a freddo

Lavate e mondate il broccolo, suddividetelo in cimette e tagliate a pezzettini piccoli il torsolo. Io preferisco cuocerlo direttamente in padella, senza la lessatura precedente. Prendete dunque una padella antiaderente, scaldate un velo d’olio con l’aglio schiacciato, le alici ed il peperoncino.. fate andare a fuoco dolce facendo sciogliere le alici, unite il broccolo ed un mestolo di brodo vegetale o acqua con un pizzico di sale, coprite e fate stufare una decina di minuti. 
Unite i cavatelli scolati al dente, aggiungendo un po’ di acqua di cottura della pasta e fatela saltare facendole assorbire bene il sapore del condimento.
Servite subito caldissima.

La pasta è fatta in casa e con farine di altissima qualità.. il grano duro Senatore Cappelli non ha bisogno di presentazioni, la farina di ceci neri è biologica e garantisce un aumento della porzione proteica del piatto..
il broccolo fornisce fibre, minerali quali ferro, calcio, fosforo e potassio, vitamina C e del gruppo B.. ricco di antiossidanti e con potere antinfiammatorio.
Le alici sono uno dei meravigliosi pesci azzurri che peschiamo nel nostro Mediterraneo e, con un minimo sforzo del portafoglio (che non guasta..) apportano proteine, omega-3, altri minerali e vitamine tra le quali la A.
..il tutto condito con olio buono, biologico e sapientemente spremuto!
Insomma.. un piatto sano, equilibrato, semplice e meravigliosamente buono!!!

Buon appetito!
dai.. domani è venerdì ;-)!

baci

Luisa

Facebook Comments
PRIMI PIATTI
Previous Story
Next Story

You Might Also Like

9 Comments

  • Reply
    ஃPROVARE PER GUSTAREஃ di ஜиαтαℓια e ριиαஓ
    12 marzo 2015 at 14:39

    Direi che e un piatto rustico dai sapori decisi ma equilibrati… Complimenti
    Lia

  • Reply
    Claudia
    12 marzo 2015 at 15:47

    Ahhh che meraviglia!!! Il condimento lo usiamo spesso anche noi per condire lapasta.. ma questa ricetta mi attira per la farina di ceci che hai utilizzato per fare i cavatelli.. Devo trovarla.. che spettacolo sono.. chissa che buon sapore hanno!!! un baciottone

  • Reply
    Valeria Della Fina
    12 marzo 2015 at 17:54

    Bellissimi (complimenti per le foto!) e davvero buoni.. un bacio grande!

  • Reply
    consuelo tognetti
    12 marzo 2015 at 18:32

    Che bello uscire la mattina presto per fare attività..è un lusso che mi sto concedendo da quando sono disoccupata e ti garantisco che è un toccasana sia x il corpo che x l'umore 🙂
    Fantastico piatto, complimenti!

  • Reply
    elenuccia
    12 marzo 2015 at 21:52

    WOW bravissima hai fatto i cavatelli in casa. Chissà che sapore avendo usate quelle farine. Non ho mai visto la farina di ceci neri, ho visto i ceci ma non la farina. Un primo che deve essere davvero saporito e gustoso.
    Anche io adoro andare a correre la mattina presto, verso le 6. Ci andavo sempre, anche d'inverno. Ora purtroppo sono ferma da un po' per una tendinite ma mi manca tantissimo. E' davvero rilassante

  • Reply
    Giuliana Manca
    13 marzo 2015 at 10:07

    Che bontà questa pasta, deve essere gustosissima!!!

  • Reply
    ~ Inco
    15 marzo 2015 at 8:46

    Uhm..quanto sono carini!!!..
    Che fame!!
    Buona domenica

  • Reply
    Unafettadiparadiso
    16 marzo 2015 at 9:54

    Anche io, sbagliando, li ho sempre chiamati 'gnocchetti' forse perché ricordano quelli sardi!
    Conditi così, poi, ti vien davvero voglia di correre sui prati allegramente….qui il tempo è ancora plumbeo, però si profuma l'aria di primavera lo stesso…..ti auguro un buon inizio settimana.

  • Reply
    Fairyskull
    19 marzo 2015 at 13:02

    Bellissimo piatto, molto genuino! 😉

  • Leave a Reply